Visori e occhiali smart: le ultime novità svelate da Zuckerberg

Meta, l’azienda fondata da Mark Zuckerberg, ha annunciato importanti novità nel campo della realtà mista durante l’evento Connect, in occasione del suo 10° anniversario. La più grande novità è il lancio di Meta Quest 3, il primo visore al mondo specificamente progettato per la realtà mista. Questo dispositivo offre una potenza di elaborazione grafica doppia rispetto al suo predecessore, il Meta Quest 2, grazie alla sua nuova piattaforma Snapdragon XR2 Gen 2 sviluppata con Qualcomm Technologies.

Durante l’evento, Zuckerberg ha anche parlato dell’ecosistema di modelli linguistici di grandi dimensioni chiamato Llama e ha presentato il modello di generazione di immagini chiamato Emu. Emu utilizza le richieste di testo degli utenti per creare immagini fotorealistiche di alta qualità in pochi secondi. Questa tecnologia può anche essere utilizzata nelle chat per creare adesivi personalizzati e rendere più vivaci le conversazioni.

A differenza di altri competitor, Meta non punta a sviluppare una sola intelligenza artificiale avanzata che tutti utilizzeranno. Zuckerberg sostiene che diverse intelligenze artificiali saranno utili per diversi scopi, come trovare informazioni, comunicare, intrattenersi, giocare e svolgere il proprio lavoro.

Inoltre, Meta ha presentato una collezione di occhiali smart realizzati in collaborazione con EssilorLuxottica. Questi occhiali smart di nuova generazione consentono di rimanere connessi e di catturare il momento senza dover tirare fuori il telefono. Sarà possibile condividere le proprie esperienze con amici, familiari e il mondo intero. Inoltre, per la prima volta, sarà possibile effettuare dirette su Facebook e Instagram direttamente dagli occhiali smart. Gli occhiali sono anche dotati dell’integrazione di Meta Ai, che permette di utilizzare l’intelligenza artificiale di Meta senza utilizzare le mani, ovunque ci si trovi e in tempo reale.

L’anno prossimo, sarà rilasciato un aggiornamento gratuito per gli occhiali smart che consentirà loro di riconoscere ciò che si sta guardando e di fornire supporto di conseguenza. Queste innovazioni apportate da Meta promettono di migliorare l’esperienza della realtà mista e di rendere la connessione e la condivisione di esperienze più semplici e coinvolgenti per gli utenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *