Russia: Un caccia ucraino abbattuto da Mosca durante il conflitto

L’intelligence britannica ha recentemente rivelato un incidente avvenuto durante la guerra tra Russia e Ucraina: sembra che la Russia abbia accidentalmente abbattuto uno dei propri aerei. Secondo il rapporto diffuso dal ministero della Difesa di Londra, la scorsa settimana i sistemi di difesa aerea russi hanno abbattuto “molto probabilmente” uno dei loro caccia multiruolo Su-35S vicino a Tokmak, nella regione di Zaporizhzhia, a pochi chilometri dalla linea del fronte in Ucraina. Questo è un duro colpo per la Russia, poiché il Su-35S è uno dei suoi jet più sofisticati e Mosca ha già perso circa 90 velivoli dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina nel febbraio scorso.

Il rapporto sottolinea che il luogo dell’abbattimento è significativo perché Tokmak è una località pesantemente fortificata che spesso ospita quartier generali russi che comandano uno dei settori più contesi sulla linea del fronte. Di solito, questi comandi sono protetti da sistemi di difesa aerea a corto e medio raggio.

Nel frattempo, la marina russa si è ritirata dalla costa della Crimea. Secondo Natalia Humeniuk, portavoce delle forze di difesa ucraine del fronte meridionale, la linea del fronte in mare è stata respinta di almeno 185 km rispetto alla costa ucraina. Prima dell’invasione, la marina russa era in grado di avvicinarsi alla costa di Odessa alla distanza di un colpo d’artiglieria. Tuttavia, attualmente le navi e i battelli della flotta del mar Nero russa non si avventurano nelle acque territoriali ucraine e non osano andare oltre capo Tarkhankut, all’estremità occidentale della Crimea.

Nonostante il ritiro della marina russa, la Russia cerca comunque di mantenere la superiorità nel mar Nero utilizzando “aerei tattici” e bombardando l’isola dei Serpenti.

Secondo le stime del governo ucraino, il numero di soldati russi uccisi sfiora i 280.000. Solo nella giornata di ieri, sono stati uccisi 450 militari russi. Il bollettino giornaliero riporta anche la distruzione di 13 carri armati, 18 veicoli corazzati e 47 sistemi d’artiglieria russi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *