Rapporti tra minori adottati e famiglie d’origine: una nuova apertura

La presidente della Corte costituzionale Silvana Sciarra durante l'udienza straordinaria, Roma, 13 Aprile 2023. ANSA/GIUSEPPE LAMI

La Consulta ha deciso di aprire la porta ai rapporti dei minori adottati con la famiglia di origine. Con una sentenza depositata oggi, la Corte Costituzionale ha stabilito che la legge sull’adozione non impedisce al giudice di permettere che il minore mantenga alcune relazioni socio-affettive con i membri della sua famiglia biologica.

La Corte ha respinto le critiche sollevate sull’articolo 27, terzo comma, della legge n. 184 del 1983 e ha chiarito la sua interpretazione in linea con la Costituzione. Ha specificato che la disposizione riguarda solo i legami di parentela legali e formali con la famiglia biologica. Al contrario, le relazioni affettive e sociali non possono essere interrotte in modo assoluto, poiché ciò potrebbe andare contro l’interesse del minore.

Questa decisione rappresenta un importante passo avanti nel garantire il benessere dei minori adottati. Ora il giudice ha la possibilità di valutare caso per caso se sia nell’interesse del minore mantenere alcune relazioni con la famiglia biologica. Questo può essere particolarmente importante per i minori che desiderano mantenere un legame con i loro genitori biologici o con altri membri della famiglia di origine.

L’obiettivo principale di questa sentenza è quello di assicurare il miglior interesse del minore, permettendo loro di coltivare relazioni che possono essere significative e importanti per il loro sviluppo emotivo e identità. Questa decisione tiene conto delle diverse situazioni familiari e dei bisogni individuali dei minori adottati.

In conclusione, la Corte Costituzionale ha stabilito che la legge sull’adozione non impedisce al giudice di considerare le relazioni socio-affettive dei minori adottati con la loro famiglia biologica. Questa decisione mira a garantire che i minori adottati possano mantenere legami significativi con la loro famiglia di origine, nel loro interesse superiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *