Zelensky: Possibile vincitore del Nobel per la pace nel 2023? Analisi e scommesse

Il Premio Nobel per la pace 2023 verrà annunciato domani, 6 ottobre, e i bookmaker hanno scommesso sul presidente ucraino Volodymyr Zelensky e sul dissidente russo Alexey Navalny come favoriti. Tuttavia, potrebbe emergere un vincitore inaspettato tra gli attivisti per i diritti delle donne, l’ambiente o i popoli indigeni.

Il Premio Nobel per la pace viene scelto da un comitato norvegese di cinque membri selezionato dal parlamento di Stoccolma. Secondo il testamento di Alfred Nobel, il premio viene conferito a qualcuno che ha lavorato per la “fraternità” tra le nazioni, riducendo gli eserciti e promuovendo i congressi di pace. Nel corso degli anni, il premio si è ampliato includendo vari sostenitori della pace, dalle organizzazioni internazionali come il Programma alimentare mondiale ai medici che lavorano con le vittime di stupro. Le motivazioni politiche del premio vengono attentamente esaminate per capire il messaggio che il comitato vuole inviare al mondo.

Tuttavia, gli esperti esprimono perplessità sul fatto che il premio venga assegnato al leader di un Paese in guerra come Zelensky o a un dissidente russo come Navalny, dato che i dissidenti russi sono già stati premiati in passato. Pertanto, i favoriti potrebbero essere gli attivisti per i diritti umani come Ilham Tohti, un attivista uiguro in carcere, o gli attivisti per i diritti delle donne come Narges Mohammadi e Mahbouba Seraj, che lottano per i diritti delle donne in Iran e Afghanistan.

Un’altra possibilità potrebbe essere premiare gli attivisti per l’ambiente come i leader del movimento Fridays for Future o il capo indigeno Raoni Metuktire, che da decenni si batte per la protezione della foresta amazzonica. Inoltre, il premio potrebbe anche essere assegnato a difensori dei diritti dei popoli indigeni come Victoria Tauli-Corpuz o Juan Carlos Jintiach.

Altre ipotesi includono l’assegnazione del premio alla Corte internazionale di giustizia per mettere l’accento sull’importanza della risoluzione dei conflitti o a organizzazioni come l’Unhcr, l’Unicef o il Comitato internazionale della Croce Rossa. Infine, l’Human Rights Data Analysis Group potrebbe essere premiato per il suo lavoro nel rivelare modelli di violenza di massa utilizzati in procedimenti legali.

Domani scopriremo chi sarà il vincitore del Premio Nobel per la pace 2023 e il messaggio che il comitato intende inviare al mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *