Test di medicina: esposto in procura a Roma per vendita a 20 euro

Test di ammissione alle facoltà di Medicina e Odontoiatria dell'Università degli Studi di Torino, al Lingotto Fiere, 6 settembre 2022. ANSA/JESSICA PASQUALON

Un esposto in procura e un ricorso al Tar sono stati presentati dallo studio legale Leone-Fell & C. contro le graduatorie dei test di medicina, ritenute falsate. Secondo l’accusa, alcune persone avrebbero pagato cifre considerevoli per iscriversi a un corso di preparazione che garantiva loro l’anticipazione delle domande del test. Altri, invece, avrebbero ricorso a gruppi su Telegram per ottenere informazioni sulle domande cui gli aspiranti medici sarebbero stati sottoposti.

Queste sono solo alcune delle irregolarità denunciate dallo studio legale riguardo alla prima edizione dei Tolc, la nuova modalità di accesso alle università di medicina. Gli avvocati Francesco Leone e Simona Fell accusano il Cisia (Centro interuniversitario di statistiche degli accessi) di aver effettuato controlli inadeguati, permettendo così l’escogitazione di stratagemmi per diffondere i quesiti e le relative soluzioni, compromettendo irrimediabilmente i risultati della prova.

Questa denuncia getta ulteriori ombre sull’accesso alle facoltà di medicina, già caratterizzato da una forte competizione e da numerose criticità. L’accusa di falsificazione dei test di ammissione rappresenta un grave problema, che mina la validità del sistema di selezione e del merito dei candidati. L’inefficienza dei controlli del Cisia mette in luce la necessità di rafforzare i meccanismi di sicurezza per garantire che i test di ammissione siano equi e rispecchino le reali capacità degli studenti.

L’importanza di un accesso trasparente e meritocratico alle facoltà di medicina non può essere sottovalutata. L’ammissione a questi corsi di laurea richiede competenze specifiche e un’impegnativa preparazione, per garantire la formazione di professionisti in grado di curare e assistere i pazienti in modo adeguato.

In questo contesto, è fondamentale che le università e le autorità competenti si impegnino per individuare e sanzionare chi commette frodi durante i test di ammissione. È necessario adottare misure preventive efficaci per contrastare ogni forma di scorrettezza e garantire la correttezza del processo di selezione.

Questo caso solleva interrogativi sul valore e sulla credibilità delle graduatorie dei test di medicina e richiede un’azione rapida ed efficace da parte delle istituzioni coinvolte, al fine di ristabilire la fiducia nel sistema di accesso agli studi medici. La tutela della meritocrazia e dell’integrità delle prove di ammissione è fondamentale per garantire la qualità della formazione e dei futuri professionisti nel campo della medicina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *