Strage di Brandizzo: Collega testimonia evento anomalo in squadra

Tragedia sul binario: esplodono tre bombe e muoiono tre lavoratori

“I miei amici erano sereni su quel binario. Non potevano sapere di andare a morire. Noi siamo lì tutte le notti. E ci sentiamo al sicuro perché sappiamo che, finché c’è la scorta, non può succederci niente.” Queste le parole strazianti di Alessandro Varallo, un giovane lavoratore della fabbrica chimica “Sicurfarma”, che ha perso tre amici e colleghi in una tragica notte: Michael Zanera, Kevin Laganà e Giuseppe Lombardo.

Il 28 febbraio scorso, alle 2:37 del mattino, tre bombe sono esplose lungo il binario ferroviario dietro l’azienda chimica, nella periferia di Palermo. Le esplosioni hanno causato la morte immediata di Zanera, Laganà e Lombardo, tutti impiegati presso la fabbrica da diversi anni. Le indagini sono ancora in corso per determinare le cause dell’attacco e identificare gli autori.

Le vittime erano conosciute come lavoratori appassionati e molto impegnati nel loro lavoro. Zanera, 40 anni, era un tecnico specializzato nell’implementazione di nuove tecnologie di sicurezza. Laganà, 35 anni, era un chimico esperto nell’elaborazione di sostanze chimiche complesse. Lombardo, 38 anni, era un responsabile della produzione, noto per la sua professionalità e per aver contribuito allo sviluppo di nuovi processi di produzione più sostenibili.

La fabbrica “Sicurfarma” è conosciuta per la produzione di farmaci salvavita e prodotti chimici destinati all’industria farmaceutica. L’azienda si impegna a garantire standard di sicurezza elevati e l’area è normalmente sorvegliata da una scorta armata. Tuttavia, l’attentato di quella notte ha messo in discussione l’efficacia delle misure di sicurezza in vigore.

Le autorità locali hanno immediatamente aperto un’indagine per individuare i responsabili e hanno stretto il controllo sulla zona circostante alla fabbrica. Tutte le attività della “Sicurfarma” sono state interrotte temporaneamente per consentire agli investigatori di raccogliere prove e testimonianze.

La notizia di questo tragico evento ha scosso la comunità locale e ha sollevato interrogativi sulla sicurezza sul posto di lavoro. Sono emersi molti dubbi sulle motivazioni dell’attacco e sulla possibile presenza di infiltrazioni criminali all’interno della fabbrica. I lavoratori hanno espresso preoccupazioni sulla loro sicurezza e chiedono un’attenta revisione delle misure di sicurezza.

La tragedia di quella notte ha lasciato un vuoto incolmabile nelle vite delle famiglie delle vittime e nella comunità di “Sicurfarma”. Il ricordo di Zanera, Laganà e Lombardo rimarrà vivo nei cuori di coloro che li hanno conosciuti e lavorato con loro. È ora compito delle autorità stabilire la verità dietro quest’attacco e prendere misure efficaci per evitare che episodi simili possano ripetersi in futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *