Russia, il mistero dei manager e oligarchi uccisi: una strage senza soluzione di continuità

Misteri e morti sospette colpiscono il mondo degli affari russo, con almeno 14 dirigenti di alto livello che hanno perso la vita dall’inizio della guerra in Ucraina. L’ultimo caso è quello di Vladimir Nekrasov, capo del Consiglio d’amministrazione di Lukoil, morto per “insufficienza cardiaca acuta”. Ma ci sono altre morti misteriose, come quella di Anton Cherepennikov, numero uno di una società di informatica russa, e quella di Pavel Antov, deputato e magnate della salsiccia. Le autorità non hanno chiarito le cause di queste morti, alimentando sospetti e speculazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *