Ricorso al Tar contro le esercitazioni militari in Sardegna: Iniziativa legale contesta l’impatto negativo sulla popolazione della regione

Elicotteri al poligono d Capo Teulada durante lesercitazione Joint Star 2023, Sardegna, 22 Maggio 2023. ANSA/GIUSEPPE LAMI. La Joint Star 2023 la pi importante esercitazione militare in Italia. Si tiene ogni due anni in Sardegna, coinvolge Aeronautica Militare, Marina Militare, Esercito Italiano, Carabinieri, Vigili del Fuoco, Croce Rossa e Protezione Civile. Sono coinvolti oltre 5.300 uomini e donne e circa 900 mezzi terrestri, aerei e navali. L'obiettivo addestrare alle operazioni di difesa del territorio nazionale e dell'Alleanza, ma non solo. Il focus dell'evento formativo su una prima risposta civile ad una crisi umanitaria e di pubblica sicurezza e una successiva risposta militare congiunta e multinazionale ai sensi dell'art. 5 del Trattato Nord Atlantico, che sancisce il principio della difesa collettiva in caso di aggressione nei confronti di uno dei Paesi alleati. Bonifica, operazioni di pulizia e ripristino ambientale sono le attivit che interesseranno specifiche squadre della Difesa durante tutte le fasi e anche oltre il termine delle esercitazioni.

Dopo le critiche delle associazioni antimilitariste sul nuovo calendario delle esercitazioni militari in Sardegna per il secondo semestre del 2023, autorizzate dal ministro della Difesa dopo il parere negativo dei membri regionali del Comitato misto paritetico, ora arriva un ricorso al Tar. Il Gruppo d’Intervento Giuridico, rappresentato e difeso dall’avvocato Carlo Augusto Melis Costa, ha proposto il ricorso con richiesta di sospensiva, chiedendo ai giudici amministrativi di Cagliari di pronunciarsi sulle esercitazioni nei poligoni militari di Capo Teulada e di Capo Frasca “in assenza di positiva conclusione della procedura di valutazione di incidenza ambientale (Vinca, ndr)”.

Il Gruppo d’Intervento Giuridico sottolinea che i due poligoni militari interessano siti di importanza comunitaria (Sic), appartenenti alla Rete Natura 2000. Secondo il Gruppo, le attività addestrative militari, come qualsiasi altra attività che possa arrecare danno ai siti protetti, devono essere sottoposte alla procedura di Vinca per ridurne gli impatti e introdurre misure di compensazione ambientale, come previsto dal codice dell’ordinamento militare. Tali procedure sono regolarmente effettuate per altri poligoni, ma non per il poligono sardo.

Il ministero della Difesa stesso ha sottolineato l’importanza di svolgere regolarmente operazioni di salvaguardia ambientale dei siti addestrativi e di seguire le procedure di Vinca. Attualmente, però, l’unica procedura in corso riguarda solo la bonifica ambientale della cosiddetta penisola ‘Delta’ del poligono di Capo Teulada, con il recupero dei residuati di esercitazione.

Il ricorso è sostenuto e promosso anche dagli attivisti di A Foras, che annunciano una conferenza stampa per domani a Cagliari e ulteriori iniziative contro le esercitazioni militari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *