Meloni respinge Urso alla Fiera del Levante: una decisione decisa di opposizione

Sabato aprirà la 86ª Fiera del Levante e ad inaugurarla per il governo ci sarà Matteo Salvini. L’ufficialità è arrivata ieri, rettificando il precedente annuncio di due settimane fa quando il premier Meloni, in vacanza in valle d’Itria, aveva dichiarato che al suo posto avrebbe mandato il ministro del Made in Italy Adolfo Urso. Normalmente, in assenza del premier, sarebbe stato il ministro Raffaele Fitto a rappresentare il governo, essendo anche lui pugliese e ministro del Sud e degli Affari Europei.

Tuttavia, sia il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sia il Sindaco di Bari, Antonio Decaro, entrambi in campagna elettorale, sembrano non aver gradito la presenza di Salvini. Emiliano avrebbe dichiarato, due giorni fa alla festa dell’Unità, che “Meglio Meloni di Fitto”, sottolineando quindi la preferenza per la presenza della leader di FdI. La presenza di Urso sarebbe stata più favorevole, non solo perché ministro delle fiere, ma anche perché alleato di Emiliano nella battaglia per l’Ilva.

Tuttavia, il cambio di programma del governo ha portato Salvini ad essere il delegato naturale del governo per l’inaugurazione della Fiera del Levante. Seppur la Lega sia in buoni rapporti con Emiliano, è possibile che il discorso inaugurale del vicepremier non vada in contrasto con il governatore. Anzi, entrambi potrebbero allearsi contro Fitto, che ha chiuso il salvadanaio del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

Importante da sottolineare sono anche le tensioni tra Emiliano e il coordinatore regionale di Fratelli d’Italia, Marcello Gemmato, che la settimana scorsa ha accusato il governatore di clientelismo in merito alle condanne sull’ospedale Covid in Fiera del Levante, costato 25 milioni di euro per meno di un anno di apertura. Emiliano non ha gradito queste parole, essendo Gemmato uno dei pochi uomini di fiducia del premier Meloni. Inoltre, la Regione continua a pagare 111 mila euro al mese all’ente fieristico per l’occupazione di padiglioni che non riesce a smantellare.

La presenza di Salvini all’inaugurazione della Fiera del Levante potrebbe quindi portare benefici al centrosinistra, che vede in lui un alleato contro Fitto e un motivo in più per evitare attriti con Gemmato. Nonostante ciò, la situazione politica locale rimane ancora incerta, con Emiliano e Decaro che si trovano entrambi in campagna elettorale e le possibili elezioni europee, regionali o un terzo mandato da definire in seguito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *