Il mondiale di rugby del 2027 si estenderà a 24 squadre

epa10890738 The New Zealand team, the All Blacks, perform a haka, before the start of the Rugby World Cup Pool A match between New Zealand and Italy in Lyon France, 29 September 2023. EPA/GUILLAUME HORCAJUELO

Il rugby si unisce al calcio nell’aumento del numero di nazioni partecipanti ai mondiali. A partire dal 2027, la competizione ospitata dall’Australia vedrà la partecipazione di 24 squadre anziché 20. World Rugby, l’organo di governo del rugby mondiale, ha inoltre annunciato la creazione di una nuova competizione chiamata Nations League.

Il nuovo formato dei mondiali prevede sei gironi con quattro squadre ciascuno e l’aggiunta degli ottavi di finale. La durata del torneo sarà ridotta a sei settimane, ma con lo stesso numero minimo di giorni di riposo tra le partite come previsto per la prossima edizione in Francia nel 2023. I mondiali del 2027 si svolgeranno da ottobre al 13 novembre, nella primavera dell’emisfero australe.

La Nations League, a partire dal 2026, riunirà le dieci migliori squadre nazionali al mondo, inclusi i partecipanti al torneo Sei Nazioni (tra cui l’Italia) e le quattro squadre del Rugby Championship. Inoltre, saranno invitate altre due squadre, molto probabilmente il Giappone e Figi. Sarà anche creata una seconda divisione con una dozzina di squadre, e il sistema di retrocessione entrerà in vigore nel 2030. La Nations League si svolgerà a luglio e novembre, sostituendo gli attuali test match.

Queste importanti novità nel rugby garantiranno una maggiore partecipazione e competitività, offrendo ai fan del rugby un calendario di eventi ancora più ricco e coinvolgente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *