Green pass richiesto ad avvocato: denuncia contro vigilante archiviata

20071010-COMO-CRO-PROCESSO STRAGE DI ERBA Il palazzo di Giustizia di Como, dove questa mattina si è tenuta l'udienza preliminare per il processo sulla strage di Erba. MATTEO BAZZI / ANSA

Un avvocato del Foro di Bergamo ha causato un incidente all’ingresso del Palazzo di Giustizia di Como quando si è opposto all’addetto alla vigilanza che gli chiedeva di misurare la temperatura e mostrare il Green pass. L’avvocato ha ritenuto che l’addetto non avesse il diritto di farlo e ha persino presentato una segnalazione alla Procura per valutare possibili reati di violenza privata e usurpazione di funzioni pubbliche.

Tuttavia, il giudice Carlo Cecchetti ha archiviato la posizione dell’addetto alla vigilanza, supportato dall’avvocato Livia Zanetti. Nel provvedimento di archiviazione, il giudice ha sottolineato che la richiesta dell’addetto era in linea con le normative vigenti e che non aveva mai cercato di identificare l’avvocato in questione, ma solo di misurare la temperatura e verificare il Green pass.

Il giudice ha anche criticato il comportamento dell’avvocato bergamasco, sottolineando che durante quel periodo di emergenza sarebbe stato auspicabile che tutti collaborassero per superare le difficoltà, soprattutto coloro che erano coinvolti nell’amministrazione della giustizia.

In conclusione, l’addetto alla vigilanza è stato giustificato dal giudice e l’avvocato ha dovuto accettare la decisione. È importante che tutti collaborino e rispettino le norme durante l’emergenza Covid, soprattutto coloro che lavorano nell’ambito della giustizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *