Contrabbando: Rapporto Maciste 2022 svela perdita di 11,3 mld entrate fiscali nell’UE

Presentato il 2° Rapporto sul commercio illecito nel settore tabacco e E-cig

È stato presentato oggi a Roma il 2° Rapporto sul commercio illecito nel settore tabacco e E-cig, realizzato da Eurispes in collaborazione con la Fondazione Osservatorio Agromafie e con il contributo di Philip Morris Italia. Il Rapporto è stato elaborato dal Tavolo M.A.C.I.S.T.E. (Monitoraggio Agromafie Contrasto Illecito Settori Tabacchi e E-cig), coordinato dalla Fondazione, che coinvolge ogni anno i principali attori del settore per fornire una panoramica completa del fenomeno criminale nel settore del tabacco.

Partecipanti e dati rilevati

Ai tavoli di lavoro hanno partecipato rappresentanti delle Forze dell’Ordine, dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, della Direzione Investigativa e della Direzione Nazionale Antimafia, esperti del settore e membri del Comitato scientifico della Fondazione Agromafie. Inoltre, hanno preso parte ai tavoli vari esponenti dei Ministeri competenti, tra cui il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste, il Ministero degli Esteri e il Ministero delle Imprese e del Made in Italy.

Secondo gli ultimi dati, l’Italia conferma la sua posizione di best practice a livello europeo, con una quota di illecito nel consumo nazionale pari al 2,3%. A livello europeo, si stima che il consumo di sigarette illecite sia di 35,8 miliardi, causando una perdita di entrate fiscali stimata in 11,3 miliardi di euro, l’8,5% in più rispetto al 2021. Il mercato dei prodotti del tabacco in Italia vale circa 20 miliardi di euro, con entrate fiscali superiori a 14,5 miliardi di euro e circa 50.000 lavoratori impiegati.

La situazione in Italia e l’azione di contrasto

Sebbene l’Italia si collochi tra gli ultimi posti in Europa per la diffusione del commercio illecito di tabacco, con circa il 2% delle sigarette di provenienza illecita, è importante non sottovalutare la pericolosità di questo fenomeno. Le perdite per le casse dello Stato italiano superano i 280 milioni di euro all’anno. Tuttavia, l’entità dei sequestri dimostra che l’Italia è un paese di transito verso altri mercati europei, ma le forze dell’ordine stanno svolgendo un’efficace azione di contrasto contro i flussi illeciti.

All’evento hanno partecipato diverse personalità, tra cui Vincenzo Gesmundo, Segretario Generale Coldiretti; Chiara Colosimo, Presidente della Commissione parlamentare antimafia; Gian Maria Fara, Presidente Eurispes; Gennarino Masiello, Presidente Ont; Marco Hannappel, Presidente e Amministratore Delegato di Philip Morris Italia; Alessandro Di Taranto, Procuratore europeo (Eppo); Carlo Ricozzi, già Generale Guardia di Finanza e Coordinatore del Tavolo di Lavoro Maciste; Francesco Greco, già Procuratore della Repubblica di Milano e Responsabile Progetto Europa della Fondazione Osservazione Agromafie; e Ettore Prandini, Presidente Nazionale Coldiretti e della Fondazione Osservatorio Agromafie ha concluso l’evento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *