Aggiornamenti sull’escalation del conflitto Ucraina-Russia: monitoraggio dei droni a Rostov e prossimità a Mosca

Esplosioni vicino al quartier generale del comando militare a Rostov: danni a diversi edifici e una persona ferita

La città russa di Rostov ha vissuto momenti di panico a seguito di due esplosioni avvenute vicino al quartier generale del comando del distretto militare meridionale. Questo distretto, che svolge un ruolo fondamentale nell’invasione russa dell’Ucraina, è stato uno dei siti sequestrati dal defunto leader Wagner Yevgheny Prigozhin durante il suo fallito ammutinamento a giugno.

Il governatore regionale Vasily Golubev ha informato tramite il canale Telegram che l’attacco ha causato danni a tre edifici e diverse auto e ha ferito una persona. Le difese aeree russe sono riuscite ad abbattere due droni ucraini in volo verso la città, situata a soli 100 km a est del confine ucraino.

I resti di uno dei droni sono caduti fuori città, mentre l’altro è precipitato nel centro di Rostov, nella zona di via Pushkinskaya 42. Rostov è la città più grande della Russia meridionale ed è la capitale della regione omonima, che confina con l’Ucraina orientale. Secondo l’Istituto per lo studio della guerra, ospita il comando del distretto militare meridionale russo, il cui 58° esercito sta affrontando la controffensiva di Kiev nell’Ucraina meridionale. La città è anche sede del centro di comando del gruppo di forze congiunte russe in tutta l’Ucraina, rendendola un importante centro logistico per l’esercito russo.

In un contesto simile, anche nella regione di Mosca le forze di difesa aerea hanno abbattuto un drone nel distretto urbano di Ramensky. Il sindaco di Mosca, Sergei Sobyanin, ha annunciato tramite il canale Telegram che le forze di difesa aerea hanno sventato un tentativo di attacco di droni contro Mosca. Fortunatamente, non ci sono state vittime né danni nella zona in cui sono caduti i detriti del drone. I servizi di emergenza sono sul posto per le operazioni di recupero.

Nel frattempo, il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov ha annunciato che i media provenienti da paesi ostili alla Russia non saranno accreditati al prossimo Forum economico orientale (EEF), che si terrà a Vladivostok la prossima settimana. Questa decisione segue quella presa durante il Forum economico internazionale di San Pietroburgo, che si è svolto tre mesi fa e durante il quale la stampa occidentale non è stata accreditata per la prima volta. Peskov ha spiegato che la decisione di ammettere o meno i giornalisti occidentali agli eventi futuri dipenderà dal loro comportamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *