Uragano mediterraneo si avvicina al Sud-est dell’Italia: previsioni e impatti

Continua il clima estivo in gran parte del territorio italiano, con l’anticiclone africano che continua a dominare. Tuttavia, sul Mar Ionio meridionale si sta formando un ciclone che potrebbe diventare un uragano mediterraneo tra giovedì e venerdì.

Secondo Lorenzo Tedici, meteorologo del sito www.iLMeteo.it, il ciclone si sta intensificando progressivamente e la sua traiettoria è prevista verso il Sud-Est dell’Italia. Un uragano mediterraneo ha un diametro massimo di 100 km, contro una media di 500 km.

Le previsioni meteo per le prossime ore mostrano un aumento sensibile delle temperature al Centro-Nord, dove si vivrà una lunga fase estiva con caldo e sole almeno fino a metà mese. Al Sud, invece, si prevedono forti piogge, venti intensi e locali mareggiate. Da giovedì a venerdì mattina è prevista un’ulteriore intensificazione dei fenomeni tra la Calabria ionica e la Sicilia orientale. Tuttavia, l’evoluzione del ciclone è ancora incerta a causa delle sue caratteristiche da uragano mediterraneo.

Nel dettaglio, per mercoledì 6, al Nord si prevede bel tempo prevalente con sole, al Centro cielo sereno o poco nuvoloso ovunque, mentre al Sud ci saranno forti temporali in Sicilia e Calabria, con venti intensi.

Per giovedì 7, al Nord si prevede bel tempo, al Centro ci saranno condizioni meteorologiche simili alla giornata precedente, mentre al Sud si prevedono piogge e temporali soprattutto nei settori ionici siciliani e calabresi, ma anche in Basilicata e localmente in Puglia e sui rilievi campani. I venti saranno ancora intensi.

Per venerdì 8, al Nord e al Centro si prevede bel tempo, mentre al Sud si prevedono piogge e temporali residui. I venti saranno ancora intensi.

La tendenza per il weekend indica un miglioramento delle condizioni al Sud, con ancora ampio soleggiamento nel resto del Paese e un clima caldo per il periodo.

Si consiglia di continuare a seguire le previsioni meteo per eventuali aggiornamenti sulla traiettoria e l’intensità del ciclone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *