Tempesta Daniel colpisce Grecia, Turchia e Bulgaria: bilancio almeno 10 vittime

La tempesta Daniel ha causato almeno 10 morti in Grecia, Turchia e Bulgaria, a seguito dei violenti temporali e delle conseguenti inondazioni che si sono verificate nelle ultime ore. In Grecia, le autorità hanno comunicato che ci sono stati due morti e tre persone ancora disperse a causa delle intense precipitazioni verificatesi nel centro e nel sud del paese. Oggi è stato trovato il corpo di una donna di 85 anni in un villaggio della regione del Pelion, mentre ieri un uomo è rimasto ucciso dal crollo di un muro causato dalla pioggia nella città costiera di Volos. Sono in corso operazioni di ricerca e salvataggio per localizzare le tre persone disperse.

Inoltre, in Turchia, due persone sono morte a Istanbul a causa delle avverse condizioni meteorologiche e ci sono diversi feriti, secondo quanto riferito oggi dal ministro dell’Interno turco, Ali Yerlikaya. Il bilancio delle vittime del maltempo in Turchia ora sale a 5, con altre tre persone che sono state uccise nella regione occidentale, vicino al confine con Grecia e Bulgaria.

Le forti piogge che stanno colpendo Istanbul da due giorni hanno causato inondazioni in due quartieri della città, con automobili travolte dall’acqua e dal fango. L’acqua ha invaso anche l’edificio di una biblioteca pubblica, che è stata evacuata. Il sindaco, Ekrem Imamoglu, ha sottolineato che la Turchia deve prepararsi a questi eventi meteorologici estremi causati dai cambiamenti climatici, aggiungendo che le piogge torrenziali sono arrivate dopo un lungo periodo di siccità e caldo record. Le riserve idriche di Istanbul, che è abitata da 16 milioni di persone, si trovano ai livelli più bassi dalla metà del 2014.

Infine, in Bulgaria, il bilancio provvisorio delle vittime del maltempo è salito a tre, con una persona ancora dispersa. La costa del Mar Nero, in particolare la località di Tsarevo, è stata gravemente colpita dalle inondazioni, a causa di una quantità di pioggia quattro volte superiore alla media stagionale, secondo le stime del governo. Le strade e le abitazioni sono state allagate e c’è stata l’interruzione della fornitura elettrica.

Questi eventi mettono in evidenza la portata dei danni e le conseguenze delle forti precipitazioni che stanno interessando questi tre paesi. Le autorità locali stanno attuando misure di emergenza per affrontare la situazione e mitigare gli impatti del maltempo, mentre il dibattito sui cambiamenti climatici e sull’adattamento alle condizioni meteorologiche estreme continua ad essere una priorità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *