Salotti come cinema e smart TV in crescita: dati Rapporto Auditel-Censis

Le Smart TV superano le tradizionali

Il 2023 segnerà un punto di svolta nella storia della televisione italiana: le Smart TV hanno finalmente superato le TV tradizionali. Secondo il Sesto Rapporto Auditel-Censis, attualmente ci sono 21 milioni di Smart TV nelle case degli italiani, mentre le TV tradizionali sono 20 milioni e mezzo. Questo rappresenta un cambiamento significativo rispetto agli ultimi sette anni, durante i quali le TV tradizionali sono diminuite di 12 milioni e 100.000 unità, mentre le Smart TV sono triplicate, passando da poco più di 7 milioni a 21 milioni.

La crescita degli schermi connessi

La crescita degli schermi nelle case degli italiani è dovuta principalmente all’aumento degli schermi connessi, che consentono di integrare i contenuti della TV lineare con l’offerta in streaming. Nel 2023, ci sono 97 milioni di dispositivi connessi, che rappresentano un aumento del 31,7% negli ultimi sette anni e del 4,4% nell’ultimo anno. In media, ogni abitazione ha quattro dispositivi connessi.

La banda larga e l’accesso a Internet

Secondo il rapporto, il 63,1% delle famiglie italiane, pari a 15 milioni e 400.000 nuclei familiari, ha accesso alla banda ultralarga tramite Adsl, fibra ottica o connessione satellitare. Questo rappresenta un aumento del 17,1% negli ultimi sette anni. Tuttavia, ci sono ancora 9 milioni e 100.000 famiglie che non hanno accesso alla banda larga, dove vivono 17 milioni e 100.000 individui.

Inoltre, il rapporto evidenzia che due milioni e mezzo di italiani non hanno accesso a Internet da casa. Tra le famiglie, il 30,2% ha solo una connessione mobile, che non sempre è in grado di supportare tutte le attività. Inoltre, il 22,4% delle famiglie si collega solo tramite smartphone.

Il Sesto Rapporto Auditel-Censis fornisce un’importante panoramica sulla modernizzazione del settore televisivo italiano e sottolinea l’importanza di garantire l’accesso alla banda larga come previsto dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Senza un accesso adeguato a Internet, milioni di famiglie italiane rischiano di rimanere svantaggiate e in una situazione di squilibrio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *