Ricozzi (Maciste): Italia, guardiano della frontiera esterna dell’UE

L’Italia vigila sulle rotte di transito dal Nord Africa e dalla Cina

L’Italia svolge un ruolo di fondamentale importanza nella sorveglianza della frontiera esterna dell’Unione Europea. In particolare, monitora i flussi e le rotte di transito provenienti dal Nord Africa e dalla Cina. Questi traffici interessano i porti del Mediterraneo e tutto il canale dell’Est-Europa. Nonostante la guerra Russo-Ucraina, questi flussi non hanno subito una diminuzione significativa.

Carlo Ricozzi, già generale CA Guardia di Finanza e coordinatore del Tavolo di Lavoro M.a.c.i.s.t.e., ha sottolineato l’importanza di questo ruolo durante la presentazione del “2° Rapporto sul commercio illecito nel settore tabacco e E-cig” realizzato da Eurispes, in collaborazione con la Fondazione Osservatorio Agromafie e con il contributo di Philip Morris Italia.

Un rapporto basato sulla condivisione di dati e analisi

I risultati di questo rapporto sono frutto della collaborazione e della condivisione di dati e analisi tra diverse istituzioni che si occupano del contrasto al contrabbando e alla contraffazione. Tra queste istituzioni figurano il Ministero delle Finanze, il Ministero degli Interni, il Ministero degli Affari Esteri, le forze di polizia e aziende come Philip Morris.

Carlo Ricozzi ha spiegato che lo studio e l’analisi del fenomeno sono durati un anno intero. L’obiettivo era comprendere l’entità dei numeri e dei dati coinvolti. Si parla di un mercato stimato intorno ai 20 miliardi di euro all’anno, con entrate fiscali pari a 14,5 miliardi. Tutto ciò è messo a rischio dal contrabbando e dalla contraffazione.

La lotta al commercio illecito

Il rapporto evidenzia l’importanza di contrastare il commercio illecito nel settore del tabacco e delle sigarette elettroniche. Questo fenomeno minaccia non solo l’economia, ma anche la salute dei cittadini. Le istituzioni e le aziende coinvolte si impegnano a collaborare per contrastare il contrabbando e la contraffazione, al fine di proteggere il mercato legale e garantire la sicurezza dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *