Revisione al ribasso delle previsioni di crescita per l’Italia: Pil previsto +0,7% nel 2023 e +0,9% nel 2024 da parte dell’UE

L’economia italiana crescerà dello 0,7% nel 2023 e dello 0,9% nel 2024

Secondo le previsioni economiche d’autunno diffuse oggi a Bruxelles, l’economia italiana dovrebbe registrare una crescita dello 0,7% nel 2023, in linea con le previsioni del ministro Giancarlo Giorgetti. Questo dato rappresenta una revisione rispetto al +0,9% previsto lo scorso settembre. Nel 2024, invece, si prevede un lieve miglioramento con una crescita dello 0,9%, rispetto allo 0,8% previsto in precedenza. Nel 2025, la crescita attesa è dell’1,2%.

L’Italia crescerà meno della media della zona euro nel prossimo anno

Nonostante la crescita prevista, l’Italia si attesterà al di sotto della media della zona euro nel prossimo anno. Secondo le previsioni, nel 2023 l’economia italiana crescerà dello 0,7%, mentre la media della zona euro sarà del 1,2%. Anche nel 2025, l’Italia si troverà in una situazione simile, con una crescita prevista dell’1,2% rispetto al 1,6% della media dell’area euro. Queste previsioni sono soggette ad un aumento dell’incertezza a causa delle guerre in corso in Ucraina e Medio Oriente.

Il rapporto debito pubblico/Pil dell’Italia tornerà a salire

Secondo le stime della Commissione Europea, il rapporto tra debito pubblico e Pil dell’Italia tornerà a salire, anche se lentamente, nel prossimo anno e nel 2025. Nel 2023, il rapporto debito/Pil sarà del 139,8%, mentre nel 2024 salirà al 140,6% e nel 2025 raggiungerà il 140,9%. Questo trend rappresenta un’inversione rispetto al miglioramento costante del rapporto debito/Pil registrato negli anni precedenti. Nel 2020, a causa della pandemia, il rapporto era esploso al 154,9%. Tuttavia, nonostante il ritorno alla crescita economica, il rapporto debito/Pil non migliorerà come previsto.

Paolo Gentiloni: “Finisce anno difficile, nel 2024 modesto aumento crescita”

Il commissario all’Economia Paolo Gentiloni ha commentato le previsioni economiche, sottolineando che l’anno in corso è stato difficile per l’economia dell’UE. Tuttavia, per il 2024 si prevede un modesto aumento della crescita, grazie all’allentamento dell’inflazione e alla resilienza del mercato del lavoro. Gentiloni ha anche evidenziato che gli investimenti continueranno ad aumentare grazie al Recovery and Resilience Facility (Rrf). Tuttavia, l’incertezza e i rischi legati alle tensioni geopolitiche offuscano le prospettive future.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *