Nuova nascita eccezionale al Bioparco di Roma: benvenuta una zebra Grevy dal fiocco rosa

Una lieta sorpresa al Bioparco di Roma, dove è nata una femmina di zebra di Grevy, una specie che rischia di scomparire dal Pianeta. Il parto è avvenuto nella notte tra il 2 e il 3 settembre: la madre Bella ha dato alla luce la piccola senza alcun aiuto. La mattina successiva, i guardiani del reparto erbivori hanno trovato la puledra in piedi, vispa e in ottima salute. Attualmente, il cucciolo sta accanto alla madre, che lo allatta, e le sue strisce sono di un colore più tendente al marrone. Tuttavia, quando sarà adulta, assumerà la colorazione bianco nera tipica di questa specie.

La mamma Bella è nata nel 2006 nel Parco Natura Viva di Verona. Il padre, Kye, non si trova più al Bioparco perché è stato trasferito allo zoo di Ostrava, nella Repubblica Ceca, nell’ambito di un progetto di conservazione per la specie. La linea genetica delle due femmine presenti al Bioparco è considerata di grande importanza in questo progetto. Nel recinto, oltre a Bella, c’è anche Janinka, una femmina di 17 anni proveniente da una struttura zoologica francese.

La zebra di Grevy si distingue dalla zebra comune per le strisce più strette, sottili e fitte, l’altezza maggiore e le orecchie più grandi. La presidente della Fondazione Bioparco, Paola Palanza, sottolinea l’importanza della nascita di questa puledra per i programmi di conservazione della specie, che è considerata a grave rischio di estinzione. La zebra di Grevy è infatti inclusa nella Lista Rossa delle specie minacciate dell’IUCN, con una popolazione ridotta dell’80% negli ultimi trenta anni. Attualmente, solo duemila animali vivono in natura.

Secondo Palanza, le principali minacce per questa specie sono la competizione con il bestiame domestico, la scarsità di cibo, la siccità e la trasmissione di malattie dal bestiame. Inoltre, la riduzione dell’habitat e il bracconaggio rappresentano delle criticità che stanno portando queste zebre sull’orlo dell’estinzione. Il Bioparco di Roma partecipa attivamente alla protezione della zebra di Grevy attraverso il programma di conservazione EEP (Eaza Ex-situ Programme), coordinato dall’Unione Europea degli Zoo e degli Acquari (EAZA), che mira al ripopolamento dei parchi nazionali e delle riserve naturali in Africa.

La nuova direttrice generale del Bioparco, la biologa Lucia Venturi, considera la nascita di questa puledra una buona notizia per il parco e un segnale positivo per la difesa della specie. La nascita incoraggia il Bioparco a promuovere la biodiversità e la sostenibilità ambientale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *