Missili lungo raggio Atcms pronti ad essere inviati nella guerra Ucraina-Russia

Secondo quanto riportato dall’emittente americana ABC citando fonti dell’amministrazione statunitense, gli Stati Uniti potrebbero per la prima volta inviare missili a lungo raggio Atcms in Ucraina, a seguito di una richiesta avanzata dal governo ucraino da tempo. Nonostante i missili siano stati menzionati come “in arrivo”, non è ancora stato fatto alcun annuncio ufficiale al riguardo. Tuttavia, secondo un’altra fonte, i missili sono considerati una possibilità e potrebbero essere inviati nell’ambito del prossimo pacchetto di aiuti, anche se la decisione finale non è ancora stata presa.

Gli Atcms hanno una portata di fino a 300 km, che è quattro volte superiore a quella dei missili inviati finora dagli Stati Uniti come munizioni per i sistemi di lancio multipli forniti a Kiev. Il governo ucraino ha da tempo richiesto l’invio di questi missili, ma fino ad ora la richiesta era stata respinta dall’amministrazione Biden per paura di una possibile escalation e di colpire obiettivi in territorio russo.

Questa possibile decisione di inviare i missili Atcms riveste una notevole importanza strategica per l’Ucraina, poiché permetterebbe al paese di aumentare notevolmente la sua capacità di difesa e di dissuasione contro un possibile attacco russo. L’Ucraina è da lungo tempo oggetto del conflitto con la Russia, che ha visto l’annessione della Crimea da parte di Mosca nel 2014 e un conflitto armato nel Donbass orientale.

Tuttavia, la consegna di questi missili potrebbe anche alimentare ulteriormente le tensioni tra Ucraina e Russia. Mosca potrebbe interpretare questo gesto come una minaccia diretta alla sua sicurezza nazionale, con conseguenze imprevedibili. È quindi importante che gli Stati Uniti, insieme agli altri paesi interessati, agiscano con cautela e tenendo ben presente il rispetto delle norme internazionali.

In conclusione, l’Ucraina potrebbe presto ricevere i missili a lungo raggio Atcms dagli Stati Uniti, sebbene la decisione finale non sia ancora stata presa. Questi missili rappresenterebbero un notevole potenziamento delle capacità di difesa ucraine, ma potrebbero anche aumentare le tensioni con la Russia. È fondamentale che tutti gli attori coinvolti agiscano in modo ponderato, al fine di evitare un’escalation del conflitto e promuovere la stabilità nella regione.

Segui Avvisatore su Instagram: @avvisatore.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *