Mic nomina giuria Capitale italiana 2026, Davide Desario presidente

Il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, ha recentemente firmato il decreto di nomina della Giuria incaricata di selezionare la città che sarà designata come Capitale italiana della cultura nel 2026. Questa importante decisione è stata presa con l’obiettivo di promuovere e valorizzare il patrimonio culturale del nostro Paese.

Una giuria di esperti di fama nel settore

La Giuria, composta da sette esperti indipendenti, è presieduta da Davide Desario, direttore dell’Adnkronos. Ogni membro della giuria è una figura di spicco nel settore della cultura, delle arti, della valorizzazione territoriale e turistica. I nomi degli altri membri sono Virginia Lozito, Luisa Piacentini, Andrea Prencipe, Andrea Rebaglio, Daniela Tisi e Isabella Valente.

Un ruolo cruciale nella scelta della città

La Giuria avrà il compito di valutare attentamente le candidature delle città che aspirano a diventare la Capitale italiana della cultura nel 2026. Saranno prese in considerazione diverse variabili, come l’offerta culturale, la capacità di attrarre turisti e visitatori, la valorizzazione del patrimonio artistico e la promozione di iniziative culturali innovative.

La scelta della Capitale italiana della cultura rappresenta un’opportunità unica per la città selezionata, che avrà la possibilità di mettere in mostra la propria identità culturale e di promuovere lo sviluppo turistico e territoriale. Inoltre, questo prestigioso titolo contribuirà a rafforzare la consapevolezza dell’importanza della cultura nel nostro Paese e a stimolare la partecipazione attiva dei cittadini.

In conclusione, la nomina della Giuria per la selezione della Capitale italiana della cultura 2026 rappresenta un passo significativo nel processo di valorizzazione del patrimonio culturale italiano. Grazie all’esperienza e alla competenza dei suoi membri, la Giuria sarà in grado di scegliere la città che meglio incarna l’essenza della cultura italiana e che potrà beneficiare di un’opportunità unica per promuovere il proprio territorio e la propria identità culturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *