Massacro Circeo: Chi Vive Oggi nella Casa? Scopri Tutto sulla Storia e l’Attuale Proprietà di Villa Moresca

La villa del terrore: il mistero dell’acquirente

Questa sera, martedì 14 novembre, andrà in onda la prima puntata di “Circeo”, la docu-serie dedicata al tragico massacro avvenuto 78 anni fa. La storia ruota attorno a Rosaria Lopez e Donatella Colasanti, due giovani studentesse romane che furono vittime di un terribile crimine. Le ragazze furono attirate con l’inganno nella villa di tre giovani della Roma bene: Gianni Guido, Angelo Izzo e Andrea Ghira. Dopo essere state minacciate e costrette a spogliarsi, le ragazze vennero violentate e seviziate per 36 ore consecutive. Rosaria morì affogata nella vasca, mentre Donatella riuscì a salvarsi fingendosi morta.

Il destino della villa del terrore

Dopo il tragico evento, la villa, di proprietà della famiglia Ghira, rimase sfitta per anni. Successivamente, la struttura fu venduta e circolano diverse versioni su chi ne sia diventato il nuovo proprietario. Secondo alcune ricostruzioni, la madre di Andrea Ghira la vendette a un’anziana piemontese, che a sua volta la lasciò in eredità al figlio, un architetto anziano. Altri sostengono che la villa sia stata acquistata da una signora tedesca o da un militare. Chi vive nelle vicinanze afferma che la villa ha un aspetto trascurato, ma si ritiene improbabile che sia completamente abbandonata. È possibile che i misteriosi acquirenti la utilizzino in determinati periodi dell’anno.

La casa di Donatella Colasanti diventa un centro antiviolenza

La casa di Donatella Colasanti, una delle vittime del massacro del Circeo, è stata destinata a un nobile scopo. Dopo la morte di Donatella nel 2005, suo fratello Roberto ha deciso di trasformare l’abitazione di Sezze in un consultorio o una “casa delle donne”. Questo luogo sarà un punto di riferimento per le vittime di violenza, affinché nessuna di loro si senta sola e abbandonata. Donatella trovava rifugio in quella casa, un luogo sicuro dove sentirsi protetta dal mondo esterno. Roberto Colasanti ha dichiarato che sua sorella si è sempre battuta per ottenere giustizia e che voleva utilizzare la sua casa per aiutare altre donne vittime di violenza. Tre anni fa, la casa di Donatella Colasanti è diventata ufficialmente un centro antiviolenza, un gesto simbolico che ha coinciso con il ricordo del tragico massacro del Circeo, che ha sconvolto l’opinione pubblica italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *