Essere vegetariani è una caratteristica inscritta nel nostro DNA: scopri il motivo

Essere vegetariani potrebbe essere una questione di genetica, secondo uno studio condotto dalla Northwestern University. Molti vorrebbero aderire a una dieta vegetariana, ma molti di loro non riescono a farlo completamente a causa di vincoli ambientali o biologici. Per capire se la genetica gioca un ruolo, gli scienziati hanno analizzato i dati genetici di 5.324 vegetariani rigorosi e li hanno confrontati con 329.455 controlli. Hanno scoperto che ci sono 3 geni che sono significativamente associati al vegetarianismo e altri 31 potenzialmente associati. La maggior parte di questi geni è coinvolta nel metabolismo dei grassi e nella funzione cerebrale. Questo potrebbe significare che alcune persone hanno bisogno di componenti lipidici che sono presenti nella carne, ma che altre persone possono sintetizzarli internamente grazie alla loro genetica. Tuttavia, c’è ancora molto lavoro da fare per comprendere appieno la fisiologia del vegetarianismo. Questo studio è il primo a esaminare l’associazione tra genetica e vegetarianismo rigoroso. Sebbene il vegetarianismo stia diventando sempre più popolare, i veri vegetariani rimangono una minoranza in tutto il mondo. In Italia, ad esempio, solo il 4,2% della popolazione è vegetariano. La preferenza per i cibi e le bevande potrebbe anche dipendere dal modo in cui il corpo le metabolizza. Studi futuri potrebbero aiutare a comprendere meglio le differenze fisiologiche tra vegetariani e non, consentendo di fornire raccomandazioni dietetiche personalizzate e di produrre migliori sostituti della carne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *