Elon Musk sospettato di sabotaggio durante l’attacco Kiev nell’Ucraina-Russia

Il magnate delle tecnologie Elon Musk è stato accusato di sabotare un attacco dell’Ucraina alla flotta russa nel mar che circonda la Crimea, secondo la biografia “Elon Musk” scritta da Walter Isaacson. L’accusa è contenuta nel libro, che sarà pubblicato il 12 settembre e rivela dettagli sulla presunta azione di Musk durante la guerra iniziata con l’invasione russa della Crimea nel febbraio 2022.

Secondo la biografia, Musk avrebbe offerto all’Ucraina l’uso della sua rete satellitare Starlink per mantenere le comunicazioni militari e civili intatte nonostante gli attacchi russi alle infrastrutture. Tuttavia, quando l’Ucraina stava conducendo un attacco massiccio contro la flotta russa nel Mar Nero utilizzando droni marini esplosivi, Musk avrebbe ordinato ai suoi ingegneri di disattivare i satelliti, rendendo vano l’attacco.

Questo ordine avrebbe causato la perdita di collegamento dei droni, che si sono arenati senza produrre danni alla flotta russa. Secondo il libro, Musk avrebbe preso questa decisione per timore di ritorsioni russe e dei rischi di una possibile risposta con armi nucleari da parte di Mosca, in seguito a un presunto attacco simile a una “mini-Pearl Harbor”.

Il libro illustra anche i dettagli degli incontri frenetici tra Musk e funzionari russi, riportando le pressioni esercitate su di lui per non interferire con l’attacco dell’Ucraina. Tuttavia, Musk avrebbe resistito alle richieste, prendendo la decisione di disattivare i satelliti per evitare un’escalation pericolosa del conflitto.

Questa rivelazione solleva domande sulla responsabilità di Musk nell’ambito delle questioni geopolitiche e sulla sua influenza sulle dinamiche internazionali. Inoltre, evidenzia la portata del potere di Musk attraverso le sue aziende, incluso il suo ruolo nella fornitura delle comunicazioni satellitari durante situazioni di conflitto.

Tuttavia, è importante sottolineare che queste sono solo accuse presentate nella biografia di Isaacson e non sono ancora state confermate. Sarà necessario attendere ulteriori informazioni e conferme per valutare l’accuratezza e la veridicità di queste affermazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *