Covid: Sintomi, Cure e Diffusione della Variante Eris in Italia

La variante Eris: sintomi e cure

La variante EG.5 del Covid, conosciuta come Eris, sta attualmente dominando in Italia. Secondo Matteo Bassetti, direttore delle Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, questa variante provoca una febbre alta che può durare due o tre giorni, molto simile all’influenza ma con qualche dolore aggiuntivo in alcuni casi. Pertanto, la cura raccomandata è simile a quella dell’influenza: farmaci sintomatici come paracetamolo, ibuprofene, ketoprofene e aspirina.

Sintomi e trattamento della variante Eris

La variante Eris può manifestarsi in modo diverso da persona a persona. Circa il 50% dei contagi in Italia è attribuibile a questa variante, ma la sintomatologia può variare notevolmente. Nei soggetti sani, può essere paucisintomatica, mentre in altri casi può causare febbre alta e persino la perdita dell’olfatto e del gusto, cosa che non si osservava con le varianti precedenti. In alcuni casi, può anche coinvolgere le vie respiratorie. Secondo Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società Italiana di Malattie Infettive e tropicali, i pazienti possono essere curati a casa con farmaci come paracetamolo o ketoprofene. Tuttavia, se il paziente è anziano o fragile, è consigliabile assumere gli antivirali Paxlovid e Remdesivir entro 5 giorni dall’inizio dei sintomi. È importante ricordare che la malattia può evolvere rapidamente e, in alcuni casi, può essere necessario ricorrere all’ospedalizzazione.

Un approccio diverso rispetto al passato

Secondo Bassetti, la malattia causata dalla variante Eris è diversa rispetto a quella che abbiamo conosciuto nel 2020-2021. Pertanto, le terapie utilizzate devono essere diverse. L’uso di antibiotici come l’azitromicina e cortisonici è considerato un errore da parte di chi li prescrive, poiché non sono efficaci contro il virus. Bassetti sottolinea che questa malattia è simile a un’infezione respiratoria come l’influenza o il raffreddore e, come tale, può essere gestita in modo simile. Tuttavia, nelle persone anziane e fragili, è consigliabile utilizzare gli antivirali. È importante tenere presente che la malattia può evolvere rapidamente e che il tempestivo ricorso alle cure adeguate può fare la differenza.

In conclusione, la variante Eris del Covid-19 sta attualmente dominando in Italia. I sintomi possono variare da lievi a gravi, ma nella maggior parte dei casi assomigliano a quelli dell’influenza. La cura raccomandata per i soggetti sani è sintomatica, utilizzando farmaci come paracetamolo e ketoprofene. Tuttavia, per le persone anziane e fragili, è consigliabile assumere gli antivirali Paxlovid e Remdesivir entro 5 giorni dall’inizio dei sintomi. È importante prestare attenzione ai sintomi e cercare cure tempestive, poiché la malattia può evolvere rapidamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *