Attore di fiction arrestato per omicidio di camorra a Napoli dopo 33 anni

L’arresto di un presunto killer legato alla camorra rende giustizia dopo 33 anni a Napoli. Gli agenti delle Questure di Napoli e Roma hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di quattro persone accusate di aver organizzato ed eseguito gli omicidi di Angelo De Caro nel 1990 e di Pasquale Bevilacqua nel 1991. I boss Vincenzo Licciardi, Gaetano Bocchetti e Giuseppe Lo Russo erano già detenuti da anni. L’arrestato Carmine Costagliola, alias “provolino”, un tempo attore di fiction a Roma, era l’unico libero. Le indagini hanno stabilito che Costagliola avrebbe partecipato all’omicidio De Caro, mentre Licciardi e Bocchetti all’agguato contro Bevilacqua, e Lo Russo ad entrambi gli omicidi. Tutti gli indagati potranno difendersi dalle accuse durante gli interrogatori di garanzia. La giustizia non ha scadenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *