Attacchi dei hacker anti-Israele compromettono i siti di 3 aeroporti italiani

Un'immagine che simula e rappresenta la figura di un hacker impegnato in un attacco informatico. Gli Stati Uniti e i suoi più stretti alleati hanno accusatato formalmente la Cina di essere dietro a un'ondata di cyber attacchi senza precedenti che hanno colpito Microsoft e diverse aziende sparse per il mondo.ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO

Il misterioso gruppo di hacker conosciuto come Mysterious team Bangladesh ha recentemente preso di mira tre aeroporti italiani: quelli situati in Valle d’Aosta, Calabria e Puglia. Attraverso attacchi informatici di tipo Ddos (Distributed denial of service), il gruppo ha causato rallentamenti nei siti web degli aeroporti. L’Agenzia per la cybersicurezza italiana ha informato gli aeroporti e altri fornitori di servizi essenziali riguardo a questa offensiva.

Con l’aumento delle tensioni tra Hamas e Israele, l’Italia ha rafforzato la sicurezza cibernetica. In questi momenti, si registra solitamente un aumento delle attività cyber su Internet, con la partecipazione di gruppi di hacktivisti come sembrano essere quelli del Mysterious team Bangladesh, che sfruttano le proprie azioni per diffondere messaggi politici. In passato, il gruppo ha già colpito la Svezia dopo la distruzione di una copia del Corano. La situazione attuale in Medio Oriente potrebbe essere l’occasione per una nuova campagna di attacchi da parte di questa crew di hacker.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *