Al Pacino: separazione dopo la nascita del figlio e causa legale.

Al Pacino e Noor Alfallah si sono ufficialmente separati pochi mesi dopo la nascita del loro figlio, Roman Alfallah Pacino, il quarto figlio dell’attore. La 29enne ex fidanzata di Mick Jagger ha presentato una richiesta di custodia presso il tribunale di Los Angeles, in un tentativo di proteggere il loro bambino nato a giugno.

Il tabloid The Blast ha riportato la situazione attuale della coppia, composta dall’83enne divo di Hollywood e dalla giovane Alfallah. La donna ha cercato di garantire la piena custodia del figlio, concedendo al padre solo visite organizzate. Tuttavia, sembra che abbiano raggiunto un accordo per la custodia legale congiunta, che consente ad entrambi i genitori di prendere importanti decisioni per il bene del bambino, come quelle inerenti all’educazione, alle cure mediche e alla religione.

Secondo quanto riportato dal tabloid, non è stato specificato l’importo per il mantenimento del figlio nei documenti presentati al tribunale. Spetta quindi al tribunale di Los Angeles decidere su tale questione. Alfallah avrebbe tuttavia chiesto ad Al Pacino, 83enne, di coprire le spese legali della separazione.

La notizia della separazione di Al Pacino e Noor Alfallah ha scosso i fan dell’attore, che hanno seguito con interesse la relazione della coppia durata circa un anno e mezzo. Non è ancora chiaro cosa abbia portato alla fine della loro storia d’amore, ma la preoccupazione principale sembra ora essere la tutela del figlio. Entrambi si augurano di poter garantire il meglio per il loro bambino, nonostante la fine della loro relazione.

Al Pacino è sicuramente uno degli attori più amati e rispettati di Hollywood, e questa notizia ha suscitato un grande interesse nella vita privata dell’artista. Adesso, i fan attendono ulteriori sviluppi sulla vicenda, compresa la decisione del tribunale riguardante sia la custodia che il mantenimento del bambino. Nonostante la fine della relazione con Alfallah, si spera che Al Pacino riesca ad affrontare questa situazione delicata e a supportare il figlio nel modo migliore possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *