Milly Carlucci smentisce la rissa tra Mammucari e Caprarica: tutte le informazioni dettagliate sul presunto scontro tra i due personaggi televisivi

Milly Carlucci smentisce la rissa tra Mammucari e Caprarica

Dopo la quarta puntata di Ballando con le Stelle, si sono diffuse voci di una presunta rissa tra Teo Mammucari e Antonio Caprarica. Secondo le indiscrezioni, il conduttore avrebbe offeso il giornalista durante la diretta, definendolo “un cane, un molosso”. Tuttavia, Milly Carlucci ha smentito categoricamente queste voci con un video pubblicato sui social del programma.

Nessuna rissa, solo una discussione animata

Nel video, Milly Carlucci afferma che non c’è stata alcuna rissa tra Mammucari e Caprarica. Ha spiegato che c’è stata solo una discussione accesa tra i due, che si è risolta in pochi minuti. La conduttrice ha sottolineato che non sono state pronunciate parolacce e che la discussione rientra nei limiti della dialettica civile. Ha paragonato la lite a una discussione da spogliatoio tra due uomini e ha definito entrambi “due brave persone”.

Le reazioni dei fan

Nonostante la smentita di Milly Carlucci, molti fan non sono convinti. Nei commenti sui social, alcuni accusano la conduttrice di coprire la verità per non perdere i due protagonisti dell’edizione. Durante la diretta, prima dell’esibizione di Carlotta Mantovan, si potevano percepire toni alterati tra Mammucari e Caprarica, nonostante i microfoni fossero chiusi. In un momento acceso, si sente Mammucari urlare: “Stai zitto, stai zitto, ti meno”. Nonostante le polemiche, bisogna attenersi alla versione di Milly Carlucci.

Scontri accesi in vista

Nella prossima puntata di Ballando con le Stelle, ci saranno sicuramente altri scontri accesi tra i concorrenti. Sembrerebbe che Caprarica abbia abbandonato il suo atteggiamento da lord inglese per mostrarsi come un concorrente agguerrito. Non resta che aspettare per vedere cosa accadrà nel programma di danza più amato dagli italiani.

Se non vuoi perderti le ultime notizie sulla televisione, clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *