Il politologo Tarchi si esprime sulla preoccupazione di Meloni per Mulè & Co: un’analisi critica

Secondo il politologo Marco Tarchi, le difficoltà che il governo sta affrontando non sono sorprendenti, ma sono comuni a tutti i governi. Nonostante ciò, non sembrano esserci cambiamenti significativi all’orizzonte. Tarchi ritiene che le recenti difficoltà, come le teorie del complotto evocate da Giorgia Meloni e i suoi sostenitori, siano segnali di disagio o una strategia di vittimismo. Il professor Tarchi ritiene che alcuni problemi erano prevedibili, soprattutto per quanto riguarda l’economia e la mancanza di fondi. Tuttavia, non crede che siano così gravi da portare a una crisi di governo. Il centrodestra sa di avere un’opportunità per ampliare il proprio potere e non credo che voglia metterla a repentaglio senza avere alternative praticabili. Un governo tecnico sarebbe un ostacolo per loro.

Questo sospetto viene rafforzato dagli attacchi alla BCE e dall’offensiva contro la magistratura riguardo all’immigrazione. Tarchi spiega che drammatizzare i pericoli, come le pressioni finanziarie ostili o un’offensiva della magistratura contro il governo, è una strategia preventiva. Le partite politiche si giocano anche in questo modo. Tuttavia, le tensioni non arrivano solo dall’esterno per Meloni. All’interno della sua maggioranza, c’è una crescente competizione da parte della destra. Salvini continua a rilanciare, ma se lo segue troppo da vicino, c’è il rischio che qualcuno in Forza Italia si agiti. Tarchi afferma che Salvini sta cercando di riconquistare almeno una piccola parte degli elettori di simpatie populiste che lo avevano abbandonato dopo la fine del governo giallo-verde. Tuttavia, questa volta non commetterà gli stessi errori. Attentare alla stabilità del governo non conviene a Salvini. Se ci sono pericoli per la coalizione, provengono dall’ala dei Mulè & Co., che sono gelosi del protagonismo di Meloni. Anche per loro sorge la domanda su cosa fare se il governo si arenasse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *