Neonati prematuri a rischio in Gaza: crisi umanitaria e collasso ospedaliero

Newborns are placed in bed after being taken off incubators in Gaza's Al Shifa hospital after power outage, amid the ongoing conflict between Israel and the Palestinian Islamist group Hamas, in Gaza City, Gaza November 12, 2023 in this still image obtained by REUTERS. THIS IMAGE HAS BEEN SUPPLIED BY A THIRD PARTY TPX IMAGES OF THE DAY - RC2RB4ANC5R0

La situazione a Gaza si sta aggravando giorno dopo giorno, con la guerra che sta mettendo a dura prova il sistema sanitario del territorio. L’ospedale di Al-Shifa, in particolare, è al centro di una crisi senza precedenti.

La lotta per la sopravvivenza dei neonati

Gli ospedali di Gaza stanno facendo del loro meglio per salvare vite umane in condizioni estreme. Tuttavia, a causa dei bombardamenti e della mancanza di risorse essenziali come elettricità e acqua, la situazione è diventata disperata. I neonati prematuri, tra le vittime più vulnerabili, sono stati trasferiti dai letti delle incubatrici non funzionanti ai letti normali, avvolti in coperte per cercare di mantenerli in vita. I medici stanno cercando soluzioni di emergenza, come avvolgere i neonati in carta stagnola per simulare il calore materno.

Assedio all’ospedale Al-Shifa e appelli internazionali

L’ospedale Al-Shifa è circondato dalle forze militari e si trova in una situazione di assedio. Le organizzazioni internazionali come l’Organizzazione Mondiale della Sanità e Medici Senza Frontiere sono profondamente preoccupate per la sicurezza del personale sanitario e dei pazienti, compresi i bambini in terapia intensiva e gli sfollati all’interno dell’ospedale. La situazione è stata definita come “disperata e pericolosa” dal capo dell’OMS, che ha descritto l’ospedale come un cimitero.

Come aiutare Gaza dall’Italia

Dall’Italia, ci sono diverse organizzazioni che lavorano per fornire aiuti umanitari a Gaza. La Croce Rossa Italiana, WeWorld, Save the Children, Medici Senza Frontiere, Azione contro la Fame, ActionAid sono solo alcune delle organizzazioni che accettano donazioni per sostenere i loro sforzi. Ogni contributo può fare la differenza e aiutare a mitigare la crisi umanitaria in corso.

La situazione a Gaza è allarmante e richiede una risposta urgente e coordinata dalla comunità internazionale per evitare una catastrofe ancora più grande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *