Come gestire il comportamento di un bambino che morde: consigli e strategie efficaci

Perché i bambini mordono? Cosa fare? La psicologa identifica le cause di questo comportamento e le modalità più corrette per intervenire

Cause del comportamento di mordere

Il comportamento di mordere nei bambini può essere causato da diversi motivi, che variano in base all’età e allo sviluppo del bambino. Alcune delle cause comuni includono l’esplorazione, la difesa, l’attirare l’attenzione, l’espressione della rabbia e la richiesta di aiuto. Durante la fase della dentizione, il bambino può anche mordere a causa del dolore ai denti.

Il bambino che morde a 8 mesi

Intorno ai 8 mesi, quando i denti iniziano a crescere, il bambino sviluppa la capacità di masticare il cibo e di fare scelte su cosa mangiare. In questa fase, il bambino utilizza la bocca come mezzo per esplorare il mondo e alleviare il fastidio causato dalla crescita dei denti.

Il bambino che morde a 1 e 2 anni

Dopo i 12 mesi, il bambino può utilizzare il morso anche per attirare l’attenzione e giocare. A questa età, il bambino non ha ancora la capacità di esprimersi con le parole, quindi il morso diventa un modo istintivo per comunicare. È importante indirizzare il bambino verso comportamenti socialmente corretti e non punirlo o mortificarlo per il suo comportamento.

Il bambino che morde a 3 anni

Intorno ai 3 anni, il bambino può iniziare a mordere come un modo per esprimere la frustrazione o la richiesta di aiuto. In questi casi, è importante riconoscere le emozioni del bambino e aiutarlo a esprimere ciò che prova. Dare voce alla sua rabbia e comprenderla può aiutare il bambino a sentirsi visto e capito.

Come gestire il comportamento di mordere

Per gestire il comportamento di mordere, è importante seguire alcuni consigli. Alcuni di questi includono:

  1. Verbalizzare un “no, non si fa” quando il bambino morde.
  2. Allontanare il bambino dal capezzolo durante l’allattamento al seno se morde.
  3. Riconoscere e comprendere le emozioni del bambino.
  4. Chiedere al bambino di disegnare o esprimere ciò che lo fa arrabbiare.
  5. Dare valore ai comportamenti positivi e lodare il bambino quando si comporta in modo corretto.
  6. Utilizzare libri o storie per insegnare al bambino modi alternativi di esprimere i sentimenti.
  7. Essere coerenti con le regole e i limiti.
  8. Offrire un ambiente sicuro e stimolante per il bambino.

Seguendo questi consigli, è possibile indirizzare il comportamento del bambino verso modalità di espressione socialmente accettabili e aiutarlo a sviluppare una sana personalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *