Italia sconfitta dagli Stati Uniti nei Mondiali di basket: scoppia la polemica sui social

L’Italia perde contro gli Stati Uniti ed è eliminata dai Mondiali di basket, ma la reazione di alcuni “tifosi” italiani sui social media ha reso la sconfitta ancora più amara. Sotto il post Instagram della nazionale statunitense che celebra la vittoria sugli azzurri con un esplicito “Mamma mia”, numerosi commenti offensivi da parte di italiani delusi sono emersi, alcuni dei quali di natura estremamente inaccettabile.

Tra gli insulti, si sono notate foto delle Torri Gemelle, inviti a morire e offese di vario genere. Una parte del tifo azzurro, evidentemente, ha scelto di esprimere la propria frustrazione in modo violento. I commentatori hanno preso di mira la supposta “mancanza totale di rispetto” dei giocatori statunitensi, accusandoli di antisportività e di sbeffeggiare gli avversari sul campo.

“Non fate i belli che domani mattina potreste svegliarvi freddi e eleganti”, “morite”, sono solo alcuni dei commenti che si possono trovare sotto il post su Instagram. Alcuni utenti hanno addirittura scherzato sulle stragi di massa negli Stati Uniti, affermando che almeno in Italia i bambini potranno tornare a scuola senza timori, a differenza degli americani che vivono in costante paura di sparatorie. Sono state postate anche gif e foto delle Twin Towers, ricordando il tragico attacco terroristico dell’11 settembre 2001.

Le offese e gli insulti continuano con frasi come “Dovete prendere la 104” o “ammazzatevi”. I commentatori non esitano a utilizzare termini volgari e ad attaccare gli avversari senza alcun filtro.

Nonostante l’appello di alcuni utenti affinché gli amministratori dell’account rimuovano i commenti offensivi e bandiscano i responsabili, al momento sembra che le offese e le provocazioni rimangano visibili. Alcuni italiani si sono già dissociati da questo comportamento, esprimendo disgusto e vergogna per l’atteggiamento di alcuni “tifosi”. Tuttavia, per il momento, non sembra che ci siano misure concrete da parte degli amministratori per eliminarli.

Questo episodio mostra come la passione per lo sport possa spingersi oltre i limiti, sfociando in comportamenti irresponsabili e offensivi. Mentre i giocatori di entrambe le squadre si affrontano in campo per ottenere il miglior risultato possibile, è importante ricordare che il rispetto e la correttezza sono fondamentali sia per i tifosi che per gli atleti stessi. In un mondo fortemente connesso come quello dei social media, è necessario promuovere un ambiente virtuale sano e rispettoso, altrimenti rischiamo di alimentare solo odio e divisioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *